Area cani: spesso sconosciuta !

ciao a tutti !!!

CENNI STORICI

Quando ero bambino e frequentavo la scuola elementare, spesso mia nonna mi portava a giocare al parco dove incontravo i miei compagni di scuola.
Mi ricordo che si giocava a pallone e si utilizzavano alcuni strategemmi per “costruire” le porte: a volte si usavano degli zaini, a volte dei bastoni, ecc. ecc.
Prima di tutto però, dato che le prime partite avevano “mietuto delle vittime”, si passava ad analizzare velocemente il campo per evitare quello sgradevole inconveniente che poteva, ad adar bene, riempirti una suola della scarpa.
Ebbene si, all’epoca non esistevano le aree cani e spesso trovavi i loro bisogni dove volevi giocare.
Con il passare del tempo fu introdotta una legge, credo, che impone la raccolta e lo smaltimento dei bisogni degli animali mediante l’utilizzi di saccheti.

AI GIORNI NOSTRI

Ai giorni nostri le cose sono veramente diverse!
Con il passare degli anni ci siamo evoluti e abbiamo trovato la soluzione ideale: “area cani”.
Parte delle aree vedi del parco sono state dedicate ai nostri amici a quattro zampe.
Nel parco che frequentavo io da piccolo ora ci sono 2 aree cani, 3 aree bambini e un’area semi-calcio.
Problema risolto?!?
Per la mia esperienza, direi di no !
Per motivi di lavoro mi capita di attraversare attorno alle 8 della mattina il parco per raggiungere il metrò e con mia sorpresa trovo sempre 4/5 cani in giro per le varie aree verdi e 1/2 nell’area cani.
Fortunatamente nessuno nell’area bimbi, anche se li ci sono altri problemi!
Ma smettila: si tratta solo di quelli che tornano a casa! Questa era la mia risposta che mi continuavo a dare per evitare di pensare negativo
Però quado li vedo “pascolare” nelle aree verdi e fare i loro bisogni e vedere i loro padroni tranquilli e spensierati a tal punto di non ricordarsi di recuperare il “ricordino” lasciato nel prato, non posso fare a meno di provare un momento di rabbia.
Però lo so che lo fanno per me per farmi tornare alla memoria quei bei momenti vissuti da bambino!

 

CONCLUSIONE

Devo ammettere che in molti rispettano le regole, ma ancora una grandissima parte lascia fare i bisogni  ai propri animali in qualsiasi luogo e non li “recupera”.
Ad esempio, non so se sia un fattore scatenante, da quando hanno iniziato i lavori della metropolitana, la quantità di escrementi abbandonati è aumentata in maniera considerevole.
Non avendo un cane non ho presente quali siano le regole di queste aree, però devo dire che, soprattutto durante il periodo estivo, da quelle zone arriva un “profumo” di campo appena concimato che forse neanche io ci passerei del tempo con il mio cane.
Sia ben chiaro che non sono contro gli animali, intesi come quelli a quattro zampe, che a dire il vero mi piacciono e li trovo socialmente utili.
Sono però contro a quelli che non rispettano le regole e a cui, se provi a fare un’osservazione ti dicono che gli animali devono essere liberi ecc. ecc.
Sarà stato davvero un buon investimento creare queste zone ?

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *